Le novità di riscossione con il nuovo ente di riscossione Ufficio delle Entrate – Riscossione sono; che tutto sarà più deleterio e rapido nell’esecuzione dei fermi amministrativi e dei pignoramenti, in sostanza viene bandito il lassismo che Equitalia usava verso i contribuenti morosi.

Arriva una cartella esattoriale da pagare? Non si ha di che pagare? Un mancato pagamento entro i canonici ed indicati 60 giorni dalla notifica della stessa, da autorizzazione all’ente all’acquisire ogni dato possibile di patrimonio e reddito del debitore. Dopo di che la stessa può emettere provvedimenti tipo:

pignoramento dei beni mobili, ipoteca sui beni immobili, esecuzione forzata di stipendio, incassi di parcelle, fatture, titoli bancari e non. Tutto ciò che ha un valore abbinato, transato riferito al codice fiscale del debitore può essere pignorato.

In relazione a questo nuovo modo operandi, il nuovo ente ha chiarito che nelle sue nuove cartelle esattoriali tutto verrà scritto con molta chiarezza, con una facilità di lettura anche per chi ne bazzica poco di burocratese. Il tutto anche usando vari colori che indicano i vari enti creditori. In sostanza un debito da pagare però più digeribile perché è colorato.

Se si vuole evitare il fermo amministrativo, nella cartella verranno indicate chiaramente anche tutte le notizie utili per come pagare le somme richieste. Come richiedere una rateizzazione, come fare domanda di sospensione della cartella, addirittura come presentare ricorso. Vi saranno indicati tutti i contatti a cui il debitore potrà fare riferimento per domande e chiarimenti sulla sua cartella esattoriale.

Con questo nuovo metodo di richiesta di esecuzione di un debito, il nuovo ente vuole evitare i tantissimi ricorsi fatti in passato verso Equitalia per la mancanza della dovuta chiarezza su quanto la stessa richiedeva. Chiarezza di esposizione su quanto richiesto, per ottenere un veloce pagamento, questo diventa il senso reale delle nuove cartelle di riscossione inviate dal’Ufficio Riscossione – Entrate.

Se si vuole evitare un fermo amministrativo della propria auto, basta fare fronte ai propri doveri di contribuente, se una difficoltà economica, la perdita del lavoro non vi permettono di risolvere il fermo auto la soluzione possiamo darvela noi.

Noi valutiamo da anni veicoli gravati da fermo amministrativo “fiscale”, le ritiriamo con procedura finalizzata alla sospensione dalla circolazione, ciò vi permette di non perdere l’intero valore della vostra auto. Siamo a vostra disposizione per una vostra richiesta di valutazione.

Valutiamo gratis la tua autovettura compila questo modulo per il valore